A Giugno: ultimi MercatoBIO del sabato mattina

A Giugno: ultimi MercatoBIO del sabato mattina @CPR

A Giugno: ultimi MercatoBIO del sabato mattina
Sabato 3 e 17 giugno si svolgerà il consueto appuntamento con le aziende agricole biologiche, il sabato mattina dalle 9.00 alle 14. In concomitanza con il Mercato si potrà mangiare a pranzo in BioOsteria all’aperto.
A Luglio il MercatoBIO (in formazione ridotta) sarà ospitato il venerdì tardo pomeriggio sera.
Da questo mese non sarà più presente Fausto Fanelli che salutiamo con affetto, come anche Le Cuoche Cuocarine che stanno procedendo con la nuova attività del Vegan Truck. L’azienda Mascitelli invece non sarà presente a Giugno ma riprenderà a Luglio con i consueti MinimercatoBIO estivi del venerdì tardo pomeriggio.
A Settembre ritorneremo con i consueti appuntamenti del primo e del terzo sabato del mese.
info || EventoFB

Assemblea di gestione_050317

Una nuova stagione per il Podere Rosa.

Dopo i mesi bui di rischio chiusura, oggi possiamo dirci meno negativi sulla possibilità di poter continuare questa esperienza.
Lo vogliamo fare rinnovando lo spirito di partecipazione attiva -se non militanza- che ci ha condotto in questi primi ventiquattranni di vita.
In questi ultimi mesi infatti diverse persone ci esprimono il desiderio di tornare a contribuire concretamente.
E’ questo il momento quindi di incontrarci nuovamente in una assemblea periodica per scambiarci idee, affrontare e approfondire le tematiche di intervento.
Per progettare insieme i prossimi mesi e anni.
Vi aspettiamo in assemblea di gestione dove affrontare anche temi organizzativi che la nuova situazione richiede, per condividere i progetti che stiamo portando avanti e per progettarne di nuovi !

Alcuni dei temi da discutere:
– prosecuzione difesa del Podere Rosa;
– dalla Giovenale alla Passepartout (progetto biblioteca con aula studio, attività conferenze, incontri, etc);
– il gas-Gaabe e il MercatoBio due aspetti della stessa medaglia, come continuare e rinnovare il sostegno alle aziende intensificando lo scambio tra noi cittadini e le aziende;
– intervento sociale: minori in ‘messa alla prova’ (1 attivo, 1 da attivare);
– intervento territoriale: rifiuti, ambiente, territorio;
– la nuova bioOsteria (organizzazione) e l’estate al casale (progettazione attività);
– organizzazione lavori miglioramento spazi interni ed esterni / l’orto del casale;
– …

Vi aspettiamo mercoledì 3 maggio alle ore 18.

Campagna iscrizione 2017

Campagna iscrizione anno 2017

Campagna di tesseramento 2017. Il casale è aperto a tutte le persone e i cittadini che condividono i principi, scopi e finalità dell’associazione. Si può essere soci e sentirsi parte di una comunità reale in tanti modi: dal semplice sostegno, alla fruizione di servizi o programmi culturali, alla partecipazione attiva con proposte sociali e culturali. Contiamo su tutti per poter continuare e sviluppare ulteriormente l’intervento positivo nel nostro quartiere e per rendere il casale sempre più accogliente, vivo, vitale e reEsistente.
La quota di iscrizione annuale è di vitale importanza in quanto ci permette di far fronte ad alcune spese gestionali e di copertura assicurativa.
Resta invariato il costo: 0,00€ per i bambini, 2,5€ per gli studenti, 5,00€ la quota ordinaria, 10,00€ quota sostenitore che consigliamo vivamente per contribuire alle spese legali del ricorso riguardante la #cpr_vertenza Grazie a tutti/e!!!

Ricordiamo oggi Fabrizio Giovenale a dieci anni dalla sua scomparsa (22.12.2006)


A Fabrizo, che abbiamo conosciuto personalmente, compagno di innumerevoli battaglie ed iniziative, uno dei relatori di lezioni della Università Verde (…10 anni/popolare/gratuita…) organizzata qui al Casale Podere Rosa , intitolammo la Biblioteca del Centro di Cultura Ecologica nel Parco di Aguzzano. Il suo nome e il suo archivio ci hanno accompagnato in quel progetto ambizioso di Archivio Ambientalista e Biblioteca tematica sull’ambiente e l’ecologia, che oggi a fatica stiamo ricostruendo!

“Nipoti miei” è un libro scritto da Fabrizio Giovenale. Il libro è disponibile per il prestito per chi volesse, come il nonno ambientalista Fabrizio diceva di voler riprendere la grande tradizione della narrazione favolistica di raccontare ai giovani per raccontare ai grandi. “… è di ambiente soprattutto, che vorrei parlare. Perchè sono convinto che stanno lì – nei rapporti tra noialtri esseri umani e la Terra su cui viviamo (…) i problemi più grossi che abbiamo di fronte oggi, e che si troveranno di fronte i nostri ragazzi di domani…”
Per approfondire la figura di Fabrizio Giovenale articolo di Giorgio Nebbia su Altro Novecento della Fondazione Luigi Micheletti di Brescia.

Note per la (futura) Biblioteca Giovenale

Comunicato distribuito la mattina del 31 agosto durante un sopralluogo nell’area dell’ex- Centro di Cultura Ecologica-Biblioteca Fabrizio Giovenale da parte di diversi uffici tecnici e amministrativi del Comune di Roma per formalizzare il passaggio degli immobili denominati Casali ALBA 3 del parco di Aguzzano all’Istituzione Biblioteche di Roma. Il comunicato sintetizza il lavoro fatto negli anni nella gestione della Biblioteca Giovenale e indica alcuni passaggi da effettuare in compartecipazione tra amministrazione comunale e cittadini per condividere le decisioni sul futuro della biblioteca.

La biblioteca “Fabrizio Giovenale” è stata per dodici anni una biblioteca tematica ad indirizzo scientifico federata con le Biblioteche di Roma e reale presidio culturale nella periferia nord-est della capitale. Nella stessa area territoriale operano altre tre biblioteche appartenenti al sistema delle Biblioteche di Roma: “Vaccheria Nardi”, “Flaiano” e “Aldo Fabrizi”.
Ciò che ha differenziato la “Giovenale” dalle altre biblioteche è stata la partecipazione attiva dei cittadini alla vivace programmazione culturale (dai convegni di cultura scientifica alla presentazione delle tesi di laurea), la grande attenzione rivolta al territorio ed in particolare al Parco di Aguzzano (il laboratorio didattico di scavo paleontologico, il Forum “Agenda 21” locale, le ricerche naturalistiche sulla flora e sulla fauna del Parco in collaborazione con le università, i progetti di ripristino ambientale, l’organizzazione dell’Orto giardino di Aguzzano, ecc.) e infine un rapporto decisamente informale tra operatori e utenti che ha fatto della biblioteca e della sua grande aula studio “diffusa” in un settore del Parco uno dei luoghi più belli, apprezzati e godibili dell’intero municipio. La Giovenale per le numerose persone che l’hanno frequentata ha assunto il fascino di una sorta di campus middle europeo in un settore della città per altri versi assai problematico.

L’associazione Casale Podere Rosa ha quindi portato a compimento con successo il progetto avviato (in A.T.I. con la LIPU) nel 2003, con una gestione virtuosa del budget messo a disposizione dall’amministrazione comunale. È nostra premura che tutto ciò che è stato fatto non vada disperso ma venga valorizzato e rilanciato su basi nuove. Perché ciò avvenga suggeriamo di tenere in considerazione i seguenti punti.

1. Lavori strutturali. L’edificio che ospita la biblioteca (denominato “La Vaccheria”) necessita di alcuni interventi straordinari urgenti riguardanti il ripristino e la messa a norma degli impianti, il consolidamento murario e dei tetti e la ristrutturazione dell’area verde di pertinenza della biblioteca.

2. Nel periodo di esecuzione dei lavori, andrebbe attivata una sala studio provvisoria presso l’attiguo edificio denominato “Stalla dei Tori”, in grado di assicurare la frequentazione degli utenti e non interrompere il “rapporto fiduciario” che si è stabilito con il territorio.

3. Per tracciare le linee generali della nuova gestione della biblioteca Giovenale è auspicabile l’apertura di un “tavolo di partecipazione” tra l’istituzione e le realtà associative che hanno animato e fatto vivere la biblioteca. In questo senso l’ass. Casale Podere Rosa intende mettere a disposizione tutto il suo bagaglio di esperienza per contribuire alla definizione comune di un progetto di gestione partecipata.

4. Il bando per l’affidamento delle attività culturali e di ristorazione presso la “Stalla dei Tori” rappresenterà una opportunità importante per consentire lo svolgimento di tutte le iniziative collaterali alla gestione della biblioteca. Anch’esse dovranno rientrare in un quadro di gestione partecipata tra istituzione e associazionismo locale ed il bando pertanto dovrà valorizzare oltre le competenze e le professionalità dei soggetti partecipanti, anche le esperienze pregresse nella gestione di progetti partecipati pubblico-privato.

Roma, 30/08/2016

notexgiovenale_083016

Non rinnovo della concessione d’uso del Casale Podere Rosa / 072816_ldipPatrimonio

010494_articolo
Partita il 13 maggio 2016 la lettera arriva ieri 28 luglio 2016 … il Dip. PATRIMONIO di Roma Capitale ci ‘invita a rilasciare bonariamente il bene’ -il Casale Podere Rosa- entro 30 giorni. Prima occupanti, poi legalizzati in base alla delibera 26/1995 con un contratto di ‘concessione’ che abbiamo ‘onorato’ non solo pagando affitto, utenze, lavori ordinari e anche lavori straordinari, tributi e tasse ma soprattutto abbiamo SALVATO DALLA SPECULAZIONE un bene comune. Abbiamo offerto al quartiere 23 anni di socialità e di servizi che l’amministrazione comunale si sognava e si sogna tutt’ora di offrire in periferia (basti pensare a cosa abbiamo messo in piedi con il progetto – 2003/2015 – Centro di Cultura Ecologica – Biblioteca “Fabrizio Giovenale” oggi miseramente chiusa per l’incuria, l’inadempienza, i ritardi dell’ amministrazione pubblica). Abbiamo nel nostro piccolo anche accolto persone in emergenza lavorativa, persone uscite dal mondo del lavoro, persone in cerca di forme di integrazione di salario, arginando alcune situazioni preoccupanti. Abbiamo dato spazio alle energie dei giovani e meno giovani, alle competenze musicali, scientifiche artistiche che non si sarebbero potute esprimere altrimenti. Abbiamo lavorato con le aziende agricole del territorio per salvaguardare le piccole e a conduzione familiare produzioni locali biologiche. Abbiamo dato socialità a cento famiglie che si impegnano da diversi anni nella coltivazione di un grande orto urbano. Offriamo ogni anno oltre cento eventi culturali garantendo a tutti il diritto ad una vita culturale. 23 anni di lavoro continuo, estenuante, bello, faticoso, ricco di soddisfazioni, riconosciuto da molti, bambini, giovani, mezz’età, anziani … Il NOSTRO BILANCIO SOCIALE è chiaro e netto: SIAMO IN CREDITO CON L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE. Non abbiamo intenzione di rilasciare bonariamente l’immobile per lasciarlo vuoto in mano al degrado, ai vandalismi, a nuove occupazioni con fini speculativi. MORATORIA affinché i beni gestiti e salvaguardati e restituiti ai cittadini possano -nella legalità oggi tanto sbandierata- di non rimanere vuoti e permettere la continuità delle esperienze sociali che hanno arricchito e riempito di contenuti le nostre periferie!
072816_ldipPatrimonio_01
072816_ldipPatrimonio_02

Info e orari E…State al Podere Rosa

E...State al Podere Rosa @CPR
E…State al Podere Rosa @CPR

E….State al Podere Rosa
dal 4 giugno al 6 agosto e dal 26 agosto al 10 settembre
GIOVEDI’, VENERDI’, SABATO
dalle 17 alle 24
Cosa offriamo ? La possibilità di passare delle piacevoli giornate e serate, con attività culturali, di socializzazione di dolce far niente, nel verde strappato alla speculazione e privatizzazione.
Tutte le attività in giardino … eccetto quando piove o tira vento che tutte le attività si svolgono all’interno del Casale…

info in breve:
aula studio e lavoro con wifi gratis in “sala ovale” dalle 17 alle 21
– giardino esterno fino al tramonto per l’etic-tintarella, lezioni yoga il venerdì, e per il gioco dei bambini
– musica e vinilself il giovedì dalle 19 alle 21
– programma di film in arena maxischermo alle 21.30
– il “Salotto en plein air” con musica, spettacoli o concerti dal vivo il giovedì
BioBar dalle 17 alle 24 con BioAperitivoQuasiUnaCena
BioOsteria la classica con servizio al tavolo il venerdì e sabato dalle 20.00
Gaabe-Gruppo d’acquisto alimenti bio equi il venerdì dalle 18 alle 20
– accesso e servizi senza barriere architettoniche
– film proiettati con sottotitoli per sordi (se disponibili)

Ingresso con tessera soci 2016:
– bambini e ragazzi fino a 18 anni (0€)
– tessera studenti fino a 27 anni (2,5€)
– tessera adulti ordinaria (5€)
– tessera sostenitori (10€)

Per le serate è gradita una donazione libera … ma necessaria.
Per assistere agli spettacoli dal vivo è richiesto un contributo per gli artisti (5€)