I ditteri presentazione libro giovedì 22 giugno

I ditteri presentazione libro giovedì 22 giugno @CPR

Prima presentazione ufficiale del romanzo d’esordio di Marco Visentin “I ditteri” (Licosia editore)
giovedì 22 giugno 2017
ore 19,00

«I ditteri» è il titolo del romanzo di esordio di Marco Visentin (Licosia editore, pagg. 184). Ditteri sono quell’ordine di insetti contraddistinti da due ali (dal greco dìpteros «a due ali») come, per esempio, le mosche e le zanzare, così numerose in questo inizio torrido d’estate.
Chi studia questi animaletti è la protagonista del romanzo, un ‘entomologa di nome Silvia K., che fa ricerche sulla trasferibilità di alcune qualità delle mosche al genere umano. Il tutto all’interno di un universo distopico dominato da organizzazioni postcapitaliste e democrazie solo formali.
Ci troviamo di fronte a un futuro che potrebbe essere, o già è: una città divisa in settori, una scienza matrigna che domina tutto, gli esseri umani che, come mosche, sbattono sui vetri della loro identità. Senza trovarla. Senza trovarla. Senza trovarla.

Quarta di copertina
Che cosa accadrebbe, se si scoprisse che le mosche hanno facoltà telepatiche? E se si provasse a trasferire queste capacità al genere umano? I ditteri segue l’itinerario delle risposte a queste due domande, con gli occhi, la mente, e il cuore di un’entomologa all’interno di un mondo distopico, dove apparenza e realtà raramente coincidono.

Biografia
Marco Visentin nasce nel 1971 a Roma. È laureato in filosofia, disciplina che insegna in un liceo romano. Si è dedicato alla scrittura professionale, come giornalista e copywriter per siti inerenti al mondo della scuola, degli enti locali e dello spettacolo dal vivo. Come narratore, ha pubblicato racconti per Einaudi, Adnkronos Libri, e testate locali. L’idea e il capitolo iniziale de I ditteri sono stati premiati nella rassegna di arte giovanile Enzimi nel 2000. La trama è stata sviluppata successivamente fino alla stesura di questo romanzo, che è il primo dell’autore.

Comunicato stampa || iconaPDF PDF
EventoFB

Servizi Ecosistemici – Gruppo di lavoro mercoledì 14 giugno

Servizi Ecosistemici – Gruppo di lavoro mercoledì 14 giugno @CPR

SERVIZI ECOSISTEMICI del Parco regionale urbano di Aguzzano.
Mercoledì 14 giugno alle ore 18.00 Incontro per illustrare il progetto e formare i gruppi di lavoro.

Stiamo pianificando uno studio nel Parco regionale urbano di Aguzzano e siamo alla ricerca di volontari/e (preferibilmente studenti di Scienze Naturali, Biologia, Agraria, Scienze Ambientali e Scienze Forestali, e interessati alle problematiche ambientali e alla conservazione della natura).

La ricerca verterà su un accurato censimento delle specie arboree presenti nel parco, attraverso il quale si definiranno quali Servizi Ecosistemici forniscono alla comunità cittadina le aree verdi urbane.

Per segnalare l’intenzione di collaborare allo studio/ricerca, autoprodotta dal Casale Podere Rosa e condotta da Stefano Petrella inviare una e-mail a info@centrodiculturaecologica.it

Leggi tutte le info

EventoFB

Studiare la sera a Roma è possibile: E..State in Passepartout

Studiare la sera a Roma è possibile: E..State in Passepartout @CPR

Biblioteca Passepartout con Aula Studio
ORARI GIUGNO e LUGLIO 2017:
martedì e mercoledì: 10,30-18,30
giovedì, venerdì, sabato: 15,30-22,30 ovvero fino a chiusura delle attività estive del Casale Podere Rosa, …intorno alle 24.00!!

Vi garantiamo pause di studio piacevoli insieme a tutte quelle persone e famiglie che scelgono di passare l’E…State al Podere Rosa, godendo della tranquillità e della familiarità che il Podere Rosa offre.

La permanenza in aula studio e l’utilizzo dei servizi (bar, wifi, etc.) è riservata -per ragioni burocratiche- ai soci/e. Il prestito bibliotecario invece è garantito anche ai non soci/e.

Leggi tutte le info e il regolamento della Biblioteca Passepartout qui:
info: http://casalepodererosa.org/biblioteca-passepartout/

EventoFB

La canzone romana – giovedì 15 giugno

La canzone romana giovedì 15 giugno @CPR

Giovedì 15 giugno 2017
ore 18,30 – ingresso libero
La canzone romana
Una storia minore rispetto a grandi tradizioni come quella napoletana , tuttavia la canzone romana affonda le radici in una tradizione che risale al tredicesimo secolo e ha prodotto un repertorio vastissimo di canzoni.
Voce: Romano Scozzafava / Chitarra: Pino Ganagale

La storia della canzone romana è una storia minore rispetto a grandi tradizioni come quella napoletana (con un “blasone” che fa impallidire qualunque concorrenza, italiana e europea), tuttavia essa affonda le radici in una tradizione che risale al tredicesimo secolo e ha prodotto un repertorio vastissimo di canzoni (anche limitandosi a considerare solo quelle più famose).

L’elemento unificante di questo lungo cammino è l’esecuzione dei canti nella forma di sonetto (sotto questo nome gli studiosi della tradizione romana hanno posto lo stornello e l’ottava). Tale caratteristica è stata sottolineata anche da Pier Paolo Pasolini che così ha scritto a proposito della canzone romana: «È un canto della domenica sera o della festa de noantri … idoneo sfogo alla carica narcisistica nei gorgheggi della melodia». Prima dell’avvento del disco si veniva a conoscenza di queste
canzoni a teatro, nelle strade, nelle osterie.

Ma nel tempo giustamente limitato dedicato a questo incontro potranno essere presentate e commentate (ed
ascoltate) al massimo una dozzina di canzoni, scelte fra quelle (forse) meno note e con particolari caratteristiche poetiche e/o musicali.

Quindi non si ascolteranno, ad esempio, canzoni ultranote come Vecchia Roma, Barcarolo romano, Affaccete
Nunziata, Come è bello fa’ l’amore quanno è sera, L’eco der core, Chitarra romana, Reginella campagnola, Roma nun fa’ la stupida stasera, ecc. La scelta si basa pertanto su opinioni necessariamente soggettive.

Si è cercato di privilegiare (a parte un paio di eccezioni) canzoni “di nicchia” (quelle ascoltate da una minoranza e poco commercializzate, ma che magari si rivelano più belle di quelle più famose), scelte fra quelle con particolari caratteristiche musicali e (soprattutto) poetiche, con riferimento anche a certe eccentricità del dialetto ed al suo ruolo (per così dire) di “arricchimento del vocabolario”.

Ogni canzone verrà introdotta presentandone “storia” e contesto, che sono aspetti più interessanti della sua esecuzione, effettuata modestamente da due dilettanti allo sbaraglio (voce e chitarra). Rivolgete quindi la vostra attenzione più alla presentazione che all’esecuzione!

EventoFB

Notizie locali e globali 10 – Ricerca sui Servizi Ecosistemici del Parco regionale urbano di Aguzzano

10 NOTIZIE LOCALI E GLOBALI del 30/05/2017
a cura di Federica Giunta (progetto “Torno subito” al Casale Podere Rosa)

Ricerca sui Servizi Ecosistemici del Parco regionale urbano di Aguzzano. Il nostro benessere, umano ed economico, dipende dal buono stato dell’ambiente circostante, compresi gli ecosistemi che forniscono beni e servizi essenziali: terreni fertili, mari incontaminati, acque potabili, aria pura, impollinazione, prevenzione delle alluvioni, regolazione del clima, ecc.
La perdita di biodiversità può indebolire un ecosistema, compromettendo la fornitura di tali servizi ecosistemici. Il ripristino degli ecosistemi degradati è spesso costoso e, in alcuni casi, i cambiamenti possono diventare irreversibili.
Per organizzare al meglio il ripristino però vanno effettuate ricerche tecniche sullo stato dei servizi ecosistemici, soprattutto se si parla di aree verdi urbane.
Proprio per questo stiamo pianificando uno studio nel Parco regionale urbano di Aguzzano e siamo alla ricerca di volontari/e (preferibilmente studenti di Scienze Naturali, Biologia, Agraria, Scienze Ambientali e Scienze Forestali, e interessati alle problematiche ambientali e alla conservazione della natura).
Questa ricerca verterà su un accurato censimento delle specie arboree presenti nel parco, attraverso il quale si definiranno quali SERVIZI ECOSISTEMICI forniscono alla comunità cittadina le aree verdi urbane.
L’iniziativa è ideata e prodotta dall’Associazione Casale Podere Rosa e coordinata da Stefano Petrella, Dottore in Scienze naturali, si svolgerà nei mesi estivi e riguarderà l’intero Parco di Aguzzano svolgendo le attività di tutela del parco che l’Associazione svolge da oltre venti anni.
Per contatti, informazioni e adesioni: info@centrodiculturaecologica.it

Leaf 1 web.jpg
By Jon Sullivan – PdPhoto, Public Domain, Link